Digital detox, esperimento.

Lunedìmartedìmercoledìgiovedì.

Finalmente arriva il venerdì. Spegni la sveglia e inizi la giornata che sa già di relax. Dove ti muovi in attesa di conquistare il tuo bicchiere di vino o il tuo cocktail dell’aperitivo. Finalmente si respira.

Una settimana tra mail, telefonate, notifiche di ogni tipo dalle nove alle diciotto e poi come se non bastasse, quando troviamo cinque minuti, quando siamo in pausa pranzo, mano ai telefoni e via su Facebook, Instagram e così via.

Capita, così, che senti la necessità di staccare e ti ritrovi in montagna, in un rifugio, circondata da aria pura e da meravigliosi paesaggi che si estendono a vista d’occhio.

Sul display dello smartphone compare l’icona dell’assenza di segnale e noto un cartello dove sono presenti le modalità per autenticarsi al wifi.

Ci penso su, metto il telefono nello zaino e me ne dimentico per poco più di 24 ore.

Devo ammettere che non è stato niente male: ho finito un libro, ho sempre e solo guardato il meraviglioso panorama intorno a me ma, soprattutto, ho rallentato.

Come se avessi abbandonato il ritmo che la quotidianità impone e avessi ritrovato il mio di ritmo. Il ritmo giusto, dettato dal respiro, dalla voglia di tranquillità, senza la fretta di essere in un determinato posto o di dover controllare freneticamente chissà quale mail.

Secondo una ricerca di Deloitte, infatti, il 63% degli italiani controlla lo smartphone prima di addormentarsi ed il 37% lo controlla nel cuore della notte.

Certamente una parte della nostra dipendenza da smartphone è dovuta dal lavoro, dagli impegni e da quanto non possiamo sottrarci, tuttavia, sono certa che possiamo fare qualcosa per rimediare in tutta quella parte di tempo che compone la nostra vita privata.

Pensate a quanto potreste fare nel tempo in cui consultate il telefono semplicemente per noia.

Io ci ho provato: il risultato è stato davvero illuminante e sono certa che il giusto equilibrio sia la chiave della serenità.

Provare per credere.

 

Ps. per approfondire: https://www.digitaldetox.it/

Giulia

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento